Visualizzazioni totali

giovedì 27 marzo 2014

PIZZELLE FRITTE




Ecco un altro peccato di gola, frutto di una promessa a mio figlio che, ad essere sinceri, non può lamentarsi della cucina in questa casa, ma a volte viene premiato con delle pietanze più golose in vista di serate più originali di altre.
E le pizzelle fritte facevano al caso nostro.
Sono semplici, l'importante è friggerle con accuratezza.
Preparate la pasta lievita con circa 350/380 gr di farina 0, meno di mezza bustina di lievito secco, acqua q.b. per ottenere un panetto morbido, la punta di cucchiaino di zucchero ed un pizzico di sale. Lasciate lievitare per circa 2 ore poi stendete l'impasto (poco più alto della pizza fatta in casa, versione bassa). Attenzione però a non renderlo troppo spesso perché le pizzelle in frittura si gonfiano. Tagliatele a disco aiutandovi con un bicchiere, otterrete circa 25-30 pizzelle.
Scaldate bene l'olio di girasole e friggetele da ambo le parti. Se dovessero gonfiarsi troppo in cottura  premetele leggermente con la forchetta, facendo attenzione a non provocare schizzi di olio bollente. Una volta dorate, mettetele sulla carta assorbente tamponandole bene. Potrete consumarle semplici ma, ancora meglio, con la salda di pomodoro ed abbondante parmigiano. Vivamente consigliate. 

Nessun commento:

Posta un commento