Visualizzazioni totali

sabato 1 febbraio 2014

Castagnole alla ricotta (che il carnevale abbia inizio)



Ho sempre preparato le tradizionali castagnole per carnevale seguendo la ricetta segretissima di uno zio pasticcere di mia mamma. Ma queste sono una novità perché hanno la ricotta nell'impasto e le rendono morbide e gradevolissime. Ho seguito la ricetta dell'amica foodblogger Giovanna Bianco (del blog pastaenonsolo), apportandovi solo qualche piccola modifica (non ho aggiunto latte, ho integrato alla farina 100 gr di fecola di patate e usato alla fine, per asciugare bene l'impasto l'amido di riso). Sono semplici, qualche accorgimento solo per la frittura. Occorrono: 400 gr di farina 00, 100 gr di fecola di patate, mezza bustina di lievito per dolci più la punta di un cucchiaino di bicarbonato, 400 gr di ricotta vaccina (o di pecora se preferite), 150 gr di zucchero semolato, 5 tuorli di uova medie bio, 50 gr di burro morbido, la buccia grattugiata di un limone bio o arancio (o mista), un cucchiaio di amido di riso, olio di girasole per friggere. Mescolate bene a crema il burro e lo zucchero, aggiungete la ricotta lavorando bene con la forchetta, poi i tuorli, la buccia di agrumi e le farine miscelate con lievito e bicarbonato. Lavorate fino ad ottenere un impasto sodo e malleabile, cui aggiungerete per asciugarlo un po' di amido di riso (la frittura sarà più leggera). Formate dei cordoni e tagliateli a pezzetti, dando poi la forma sferica (più piccole di una noce). Scaldate l'olio a 160 gradi, non deve essere troppo caldo, altrimenti le castagnole non si gonfiano e scuriscono senza cuocersi all'interno. L'importante però è che sia già a temperatura quando le immergete x la frittura. Giratele spesso e quando le vedrete gonfie e dorate scolatele e mettetele su una carta assorbente. Infine su un piatto da portata spolverate di zucchero a velo. Che il carnevale abbia inizio!

Nessun commento:

Posta un commento