Visualizzazioni totali

giovedì 21 aprile 2011

La colomba a modo mio


La colomba pasquale fatta in casa è un lavoraccio, lo sappiamo tutti; prepara la biga, aggiungi, ad ogni lievitazione, gli ingredienti volta per volta, trasferisci l'impasto nello stampo apposito ed attendi che raddoppi di volume.
Insomma, io una giornata intera da passare a casa non l'avevo e perciò ho deciso di fare a modo mio, magari attirandomi le antipatie di molti tradizionalisti della cucina. Poco importa però, dal momento che il mio blog, come già specificato nel primo post, è teso solo a condividere con chi vorrà leggere questi miei esperimenti gastronomici. A differenza di tanti blog,  in cui si pretende di insegnare e si postano ricette inverosimili, al limite del ridicolo. Perciò la colomba che ho fatto io è di esecuzione semplice, ma ciò non vuol dire che non avrà il suo bell'effetto di presentazione e non sarà comunque di gusto molto gradevole.
Ecco le dosi: 120 gr. di burro morbido, 150 gr. di zucchero, 350 gr. di farina doppio zero, 3 uova medie intere, 60 gr. di uva passa macerata nel rum, 60 gr. di canditi (cedro o arancio), mezza bustina di lievito per dolci,  un cucchiaio di rum.
Per la glassa: 1 albume, 70-80 gr. di zucchero di canna, 60 gr. di mandorle a lamelle, 60 gr. di nocciole tritate in modo grossolano, un cucchiaio di amido di mais,granella di zucchero.
Esecuzione: lavorare il burro già ammorbidito  con lo zucchero, aggiungere le uova una alla volta mescolando bene. Setacciate la farina (in cui è stato miscelato il lievito) gradualmente ed impastare, poi inserire l'uva passa, i canditi ed il rum. Versare l'impasto nello stampo di carta rigida monouso (per una colomba da 750 gr.) e  preparare la glassa battendo l'albume con lo zucchero grezzo, incorporando poi l'amido e la frutta secca. Versare la glassa sulla colomba e cospargerla di granella di zucchero.   Cuocere in forno già caldo a 170° per circa 45 minuti, anche un'ora se necessario (fare la solita prova dello stecchino).
Farla freddare e provatela. Non sarà quella tradizionale, ma non rimpiangerete certo quella industriale.

1 commento:

  1. WOW!!! Hai perfettamente ragione, io ho fatto la stessa cosa con il panettone, veloce e soddisfacente lo stesso! Comunque appena ho visto la foto ho pensato l'avessi fatta tradizionalmente ;)
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina